Donna con le palle

“Ciao, oggi è davvero una splendida giornata, non trovi?”
“Si guarda, proprio bella.”
“Cos’è successo?”
“Nulla…”
Iniziano così, sempre allo stesso modo le conversazioni in cui ti rendi conto di avere davanti una persona ferita, triste, afflitta.
E’ un copione visto più volte, con la capacità  di ripetersi ad ogni occasione.
Un rituale a cui nessuno è stato permesso di non partecipare.
Ed in quel momento spetta a te la decisione, lo sliding doors dei tempi moderni:
far finta di nulla con un banalissimo “dai, non ci pensare, anche io ci sono passato” oppure decidere di avere davanti il viso di una persona talmente importante da sentire la necessità  di capire, sapere, comprendere.
Non perché si abbia la presunzione di poter risolvere il problema, di essere determinante, ma perché si è consapevoli di avere in mano la ricetta richiesta dal viso che ti guarda: 
togliersi quel peso sullo stomaco, vomitarlo, espellere quel corpo estraneo capace solo di rovinare l’armonia della serenità .
Sai perfettamente cosa ci vuole.
Una piccola spinta al coperchio traballante, in bilico sul bordo di quel vaso di Pandora, con la consapevolezza di lì a poco, di essere travolto da una valanga di neve fresca, gelida, ma pesante.
Decidi di togliere quel tappo, è il punto di non ritorno, dai la spinta.
All’improvviso tutto muta.
Il viso precedentemente scuro diventa madido.
Gli occhi bassi lasciano il posto alle pupille completamente esposte, nerissime.
Le spalle chiuse su se stesse si riaprono permettendo ai polmoni di respirare più profondamente.
Le labbra arcuate si trasformano nel mezzo per tirare fuori il brutto rospo incastrato in gola da troppo tempo.
La rabbia, durante il racconto, diviene l’emozione preponderante, perché regala la forza per ricordare, esporre chiaramente e con la giusta nitidezza il vissuto, l’episodio, l’accaduto.
Allo stesso modo, il luogo che ci circonda diventa uno spazio senza contorni, indefinito, nulla può distrarre l’attenzione dal film a cui stiamo assistendo.
E il racconto si conclude molte volte con una frase precisa, netta:
“…perché io sono una donna (un uomo) con le palle e non crollo.”
Mio malgrado, questa affermazione mi lascia sempre titubante.
Perché?
Perché si sente la necessità  di voler mostrare questa forza apparente?
Perché si sente la necessità  di sembrare imperturbabili?
Come se nessuno ci potesse scalfire, toccare, ferire.
Perché non si può ammettere di essere fragili, di aver bisogno di aiuto, di non riuscire a farcela?
Cosa spinge l’essere umano a voler dare un’immagine distorta di se?
Perché non si può essere semplicemente se stessi?

Esserci

Premessa:
questa foto è stata scatta per la mostra “Autofocus” ideata e prodotta dalla fotografa Alice Asinari ed è per questo di sua proprietà .

Foto prodotta e di propriet? di Alice Asinari per la mostra Autofocus.
Didascalia della mostra:
“… E mi troverai qui.
Per sempre.
Per te.”

Didascalia personale:
“Rispettare il proprio essere.
Non tradire le proprie idee.
Esserci sempre.”

Questo è il racconto di come mi sono trovato invischiato in questa situazione:

Amici, una tarda domenica sera, mentre sfuggono dal freddo.
Qualche seggiola, un tavolino e poggiati sopra, alcuni bicchieri gelati.
La schiuma bianca traboccante aggredisce il vicino e indifeso liquido incolore analcolico.
La debole luce riscalda l’ambiente tenuto volutamente privo di passionalità .
Immersi tra gli affluenti delle parole, le conversazioni, i racconti, i ricordi.
Dalla faretra colma di frecce, vengono prelevate e scagliate idee nel vuoto.
Tra di esse, una colpisce il centro del bersaglio.
Involontariamente, ma lo fa.
E così ti ritrovi ad essere tu, per una volta, il cerchio rosso al centro del bersaglio.
Colpito e affondato da una di quelle frecce.
Perché quando un amico, un’amica in questo caso, racconta involontariamente di non essere riuscita a risolvere un piccolo intoppo, non puoi fare a meno di offrire un appiglio a cui aggrapparsi.
E da tutto ciò ti ritrovi a far parte di un’idea prima, di un progetto dopo.
Idea voluta, curata e prodotta dalla momentanea proprietaria di uno di quei bicchieri.
Idea che mi ha permesso, insieme a tanti altri ragazzi, di essere un attore diretto dalla regista di tutto.
Idea che alla fine ha dato come risultato questa foto.
E quella che doveva essere una soluzione ad un intoppo, si è trasformata in una nuova esperienza per me.

Giornata storta

Nascono così, per caso, quando meno te lo aspetti e nei momenti sbagliati, sempre.
Sono così inopportune, sleali, sgarbate da infastidire e far scuotere la testa persino alla persona più serafica del mondo.
Te ne accorgi immediatamente. 
Sono sufficienti le prime note della sveglia del mattino.
In quelle giornate storte, anche l’abituale melodia di sempre, il jingle scelto perché possa disturbare il meno possibile, il pezzo ascoltato milioni di volte con l’unico scopo di accompagnare uno dei momenti più delicati della giornata, assume toni sprezzanti.
Si prende gioco di te.
È lui, come ogni giorno, ma, di tanto in tanto, ti preannuncia la genesi della tempesta perfetta.
Assume il compito della bandiera a scacchi in una competizione sportiva.
Come un piccolo folletto cattivo entra dalle orecchie, corre verso il centro dello stomaco, fissa i suoi piedi ben piantati a terra, si porta le mani ai lati della bocca, e dopo un grosso respiro comincia a urlare: 
“preparati, oggi è la giornata storta, nulla potrà  farle conquistare una direzione diversa, opposta”.
Inizia, in questo modo strampalato, la battaglia che si concluderà  solo a sera inoltrata, quando le tenebre avranno coperto lo scempio appena trascorso. 
Ogni oggetto quotidiano, sempre amico, sempre fidato, si tramuta nel potenziale nemico pronto a pugnalarti alle spalle.
Ti ritrovi perciò a scontrarti con la tazzina del caffè. 
Si anima comandata da una forza sconosciuta e immolandosi si catapulta a terra in un lago di sangue, nero.
Il rasoio, sempre attento a coccolare con una dolce carezza la pelle del viso, quella mattina si rivolta contro, solcandolo. 
Lascia la sua inconfondibile firma, dal classico colore rosso vivo.
L’auto, pronta a sopperire ai ritardi nascosti dietro ogni angolo, ha deciso fosse il momento dello sciopero.
In ufficio, il telefono interrompe qualsiasi attività  solo per il gusto di farlo.
La biro, fedele compagna da tempo immemore, tenta il suicidio gettandosi nel vuoto dal quarto piano.
Ti irride allo stesso modo il primo boccone del pranzo. 
Il burlone ha nascosto nel suo interno una minuscola sfera infuocata solo per il gusto di farti smarrire, per il resto del pasto, il piacere di goderti i piaceri dei sapori.
In questo modo, continua, nonostante i tuoi incessanti sforzi per contrastare la serie di eventi infausti, la giornata brutta, sghemba, negativa.
La giornata dove tutto quello che può andare storto, andrà  peggio.
Non ci sono motivi apparenti del perché accada.
Succede.
Lo sperimentiamo tutti, chi più chi meno, e nessuno ne è esente.
Capita, capita e basta.
È come se l’universo sentisse la necessità  di riequilibrare una sorta di bilancia delle positività  e negatività .
Quando ti da qualcosa di bello, all’improvviso te lo ritrovi dinanzi a muso duro, pronto a recriminare la sua parte.
Eccoli, sono lì davanti a me, riesco persino ad ascoltarli mentre parlottano.
Una conversazione tra pari: 
“no mio caro, ora basta. 
È giunto il momento di restituire qualcosa”;
“mi hai dato delle emozioni, belle d’accordo, ma non posso restituirtele”
“non puoi o non vuoi?”;
“beh, forse entrambi”;
“allora mi riprendo qualcosa con la violenza e ti impongo una giornata brutta”;
“no ti prego, la giornata storta no”;
“ormai è deciso”.
In realtà , se ci penso realmente, sono piccoli episodi che accadono più spesso di quanto immaginiamo.
Ciò che cambia è la sensibilità  del momento in cui li viviamo.
A volte, siamo così felici da non riuscire a farci togliere quel sorriso stampato in volto, neanche con una cannonata.
Il problema, si pone quando così non è.
Quando la tristezza ha fatto capolino in quella giornata, definita storta, tutto il vissuto lo scambiamo, lo confondiamo con un masso lanciatoci contro con il solo scopo di colpirci violentemente, di farci stare talmente male, da regalarci la possibilità  di piangere, di sfogarci, di buttare fuori l’incontenibile. 
Forse, per non vivere altre giornate brutte, dovremmo trovare la forza di fare un passo a lato per evitare quel masso mentre ci sta piovendo addosso, evitando così di arrivare al punto di implodere.